Piscine a laghetto

<-- Le domande più frequenti

Per altre informazioni o poter parlare con ARRIGONI Roberto vai alla pagina contatti

I permessi che occorrono

In base al Testo Unico dell’Edilizia 2001, per costruire la piscina è necessario presentare una DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) al comune. Tale documento dovrà essere redatto da un professionista come un geometra, un architetto un ingegnere.
A questo punto è sufficiente che trascorra un periodo di 30 giorni al termine del quale, se non vi sono obiezioni da parte del comune, è possibile procedere con i lavori.

In alcuni casi però, in base al piano regolatore, a norme regionali, vincoli paesaggistici o simili, la Dichiarazione di Inizio Attività non è sufficiente. Si consiglia in ogni caso di recarsi in municipio o consultarsi con il professionista.

Vedi anche: www.quifinanza.it/casa/piscina-interrata-quali-permessi-servono-per-costruirla

È vero che costruendo la piscina, l’abitazione passa di lusso?

In base al decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 2 agosto 1969 una abitazione dotata di piscina, potrebbe subire una variazione sulla classificazione catastale, solo se tale abitazione presenta una serie di caratteristiche particolari.  
Si consulti il decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 2 agosto 1969

Piscina a sfioro infinito realizzata a Marsiglia

Se hai dei dubbi circa i permessi necessari per poter realizzare la tua piscina, le eventuali tasse da pagare, contattaci! Saremo lieti di darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.